Gnocchetti Sardi: come preparare i malloreddus in casa

Immagine non disponibile

Hai scattato una foto? inviaci ora la tua. invia

I Malloreddus o Gnocchetti Sardi sono un tipico formato di pasta della Sardegna, uno dei simboli enogastronomici della regione. A seconda della zona in cui vengono fatti, assumono nomi e caratteristiche diverse: abbiamo i chiusoni, preparati in gallura, macarrones de punzu, ciciones, ecc, che assumono appunto anche forme leggermente diverse, più allungati, più tondeggiandi, più aperti.  

Per fare questo tipo di pasta, la lavorazione va eseguita tutta rigorosamente a mano. Il termine Malloreddus è comunque tipico del Medio Campidano e del sud Sardegna. 

I Malloreddus si preparano utilizzando solamente farina di grano duro e acqua. Alcune ricette prevedono anche l'aggiunta di zafferano, ma rimane appunto una aggiunta. Nei supermercati potete trovare anche malloreddus misti, aromatizzati allo zafferano, spinaci, pomodoro e classici. 

La loro forma viene data semplicemente facendo rotolare il pezzo di impasto, chiamato gnocco, su un tagliere rigapasta, che gli conferirà le classiche righe che servono a mantenere meglio il sugo. Possono essere conditi in diversi modi: con il sugo alla campidanese, ovvero salsa di pomodoro, salsiccia sbriciolata ed una spolverata di pecorino, oppure con un condimento a base di pesce o di sola carne (sa purpuzza), o ancora in bianco con olio e pecorino.  

Vediamo nel dettaglio gli ingredienti che occorrono per la ricetta dei malloreddus. Per la loro realizzazione ti ci vorrà circa un'ora di tempo. 

Ricetta Malloreddus o Gnocchetti Sardi 

Ingredienti 

  • 400 grammi di semola 
  • 200 ml di acqua tiepida 
  • un pizzico di sale 

Procedimento 

Vi state chiedendo come preparare i gnocchetti sardi? Bene! Disponete la semola a fontana, unite il sae e versatevi al centro parte dell'acqua tiepida, diciamo circa la metà, amalgamando pian piano la semola verso il centro ed aggiungendo pian piano l'acqua nel mentre che impastate. 

A questo punto dovrete usare solamente olio di gomito e lavorare bene l'impasto finché non diventi liscio ed omogeneo. Nel caso in cui l'impasto risulti troppo duro e difficile da impastare, potrete aggiungere un po' d'acqua. Viceversa, se risulterà troppo morbido, aggiungete all'impasto una manciata di semola e continuate a lavorare la vostra pasta fino a che non sarà bella liscia. 

A questo punto mettere l'impasto a riposare una mezz'ora, avvolto nella pellicola, in un posto asciutto. 

Quando l'impasto per i Malloreddus avrà riposato, prenderlo in pezzetti e fare dei cilindretti allungando l'impasto con le mani. Tagliatelo in tocchetti, prendete il vostro gnocco tra le dita, facendolo scivolare sulla spianatoia rigata, o nell'interno di una grattugia.

Lasciate essiccare i vostri gnocchetti sulla spianatoia, dopodiché saranno pronti per essere cucinati subito oppure conservati in dispensa per qualche giorno. In alternativa potrete anche conservarli in freezer per utilizzarli quando più vi farà comodo. 

Buon appetito! 

Naviga nella sezione Gastronomia per scoprire le altre ricette della Sardegna e ricorda che puoi mandarci le tue ricette per farle pubblicare sul sito o sui nostri social. 

Seguici su Instagram e Facebook

Prenota ora:

Tracce di Sardegna © 2021 • Tutti I diritti riservati • Vietata la riproduzione anche parziale • Privacy Policy
Realizzato da Corkis81