Museo Archeologico Nazionale di Cagliari

Immagine non disponibile

Hai scattato una foto? inviaci ora la tua. invia

Il patrimonio culturale italiano è ricco di testimonianze e di strutture sparse su tutto il territorio nazionale, e la Sardegna, con i suoi numerosi musei e siti d'interesse culturale, non è certamente da merìno. A Cagliari, capoluogo della Sardegna, localizzato nella storica Piazza Arsenale, porta del centro storico della città di Cagliari e del suo quartiere di Castello, troviamo il più importante polo culturale e museale della Sardegna: la cittadella dei musei della quale fanno parte, oltre al Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, anche la Pinacoteca Nazionale, il Museo dell'Arte Siamese e l'esposizione delle cere anatomiche del Susini.

La lunga storia del museo Archeogico inizia nel 1800 quando il vicerè Carlo Felice decise di custodire tutte le collezioni archeologiche dell'isola in una grande raccolta di testimonianze di storia naturale. Esposta al pubblico dal 1802 nel Palazzo Viceregio, la preziosa collezione di antichi reperti si espanse negli anni successivi soprattutto grazie alle donazioni da parte di privati. A partire dal 1841 il museo accolse i reperti degli scavi archeologici eseguiti a Tharros, e successivamente gli importanti studi archeologici di Giovanni Spano, teologo e docente universitario di Cagliari, arricchirono ulteriormente la collezione. Nel 1885 la sede del museo fu trasferita nel Palazzo Vivanet, in via Roma, sino al 1904 quando fu realizzato il Museo Archeologico in piazza Indipendenza. Nel corso del '900 i numerosissimi reperti recuperati dai siti di Nora, Antas, Monte Sirai, Bithia e molti altri hanno reso necessario un nuovo trasferimento che dal 1993 ha sede nell'attuale cittadella dei musei.

Il museo è suddiviso in quattro piani espositivi: al piano terra una ricostruzione cronologica ripercorre le varie fasi storiche della Sardegna dal Neolito al Medioevo, mentre nei restanti piani le esposizioni sono suddivise per zone topografiche. Tra i tanti reperti presenti molto interessanti i corredi funerari di Cuccuru is Arrius del neolitico antico e le famose decorazioni della cultura di Ozieri del neolitico recente. Di età nuragica spicca la prestigiosa collezione di bronzetti sardi raffiguranti capi tribù, guerrieri, divinità femminili e le particolari navicelle in bronzo. Seguono poi le civiltà fenicio-punica e romana rappresentate dalle numorose ceramiche, statue, gioielli e collezioni di monete antiche.

Orari di apertura del Museo Archeologico Nazionale di Cagliari 

Aperto tutti i giorni (tranne il lunedì) dalle ore 09:00 alle ore 20:00 
La biglietteria chiude alle ore 19:15 
Ogni prima domenica del mese, l'ingresso al Museo è gratuito 

E' possibile organizzare visite guidate di gruppi e scolaresche (Info)

Maggiori informazioni su orari e biglietteria, sul sito ufficiale del Museo Archeologico Nazionale di Cagliari

Se questo articolo ti è stato utile, ricorda che puoi seguire le nostre pagine Facebook Tracce di Sardegna Sagre eventi in Sardegna per restare aggiornato con tutti gli eventi in Sardegna del weekend, le sagre in Sardegna, gli appuntamenti culturali, le bellezze del territorio, le feste in Sardegna, e molto altro ancora! Puoi segnalarci gli eventi inviando una email all'indirizzo info@traccedisardegna.it !

Prenota ora:

Tracce di Sardegna © 2020 • Tutti I diritti riservati • Vietata la riproduzione anche parziale • Privacy Policy
Realizzato da Corkis81