Grotta di Nettuno

Immagine non disponibile

Hai scattato una foto? inviaci ora la tua. invia

La Grotta di Nettuno situata lungo la costa algherese nella Sardegna occidentale, è sicuramente tra le grotte sarde ed italiane più conosciute e visitate, sin dall'epoca della sua scoperta avvenuta per mano di un pescatore, nel 1700. Gli è stato dato il nome di Nettuno in onore dell'antico dio del mare.

Per visitarla, la via più semplice è sicuramente la scelta di una escursione in barca con partenza da Alghero o dalla Dragunara di Porto Conte che consente di guardare direttamente dal mare la bellezza della costa di Alghero e dell'Area Marina Protetta di Porto Conte. L'altra via di accesso è raggiungibile dopo aver percorso ben 656 gradini in quella che è chiamata Escala del Cabirol, ovvero Scala del Capriolo, una vera e propria scala ricavata nel promontorio roccioso che offre scorci suggestivi, vista mare e che venne ideata dal celebre architetto sardo Antoni Simon Mossa. L'ingresso alla grotta di Nettuno è consentito solamente quando le condizioni meteo-marine sono buone, cosa non del tutto scontata. 

All'interno della grotta di Nettuno troviamo: il lago La Marmora, con una ampiezza di 100 metri per 25, ed una profondita di 9 metri. E' un lago salato descritto anche nel libro Voyage en Sardinia, di Alberto Ferrero Conte De La Marmora. La sala delle rovine, chiamata così per via dell'attività dei visitatori ottocenteschi che l'hanno letteralmente rovinata nel corso del tempo, la sala della reggia, con alte colonne fino ai 9 metri, la spiaggia dei Ciottolini, la sala Smith o dell'organo, la tribuna della musica e la sala delle trinee e dei merletti. Altre zone della grotta restano al momento non visitabili. Tra queste, un lago di 52 metri di profondità, il lago Semilunare che misura circa 70 m di lunghezza. 

Si stima che la lunghezza complessiva della Grotta di Nettuno sia di circa 4 km, ed un tempo uno dei suoi abituali fruitori era la foca monaca. 

Nelle vicinanze della grotta di Nettuno, sono presenti altre insenature, alcune sommerse, altre no. Le più importanti sono la grotta Verde presso la quale sono state ritrovate testimonianze risalenti al Neolitico, come graffiti, sepolture e vasellame, e la grotta di Nereo che è la grotta marina sommersa più grande del mare Mediterraneo.

Come arrivare alla Grotta di Nettuno 

Partendo da Alghero, la grotta dista poco meno di 25 Km, circa mezz'ora di automobile, procedendo in uscita dal centro abitato in direzione di Fertilia e di Capo Caccia - SS127 bis. Percorrendo la Strada Statale 127 bis, vi basterà seguire le indicazioni per Porto Conte prima, e per Capo Caccia - Grotte di Nettuno poi, immettendovi sulla Strada Provinciale 55 (prima uscita della rotonda dopo il km 47) che vi condurrà, tra panorami bellissimi, proprio sino alla biglietteria della Grotta. Nei pressi del ticket office Grotte di Nettuno, è presente anche uno snack bar.

 

 

Prenota ora:

Tracce di Sardegna © 2023 • Tutti I diritti riservati • Vietata la riproduzione anche parziale • Privacy Policy
Realizzato da Corkis81