Mem: L’Italia prima di tutto! Storia di Giorgio Asproni

Data evento: 
20-Marzo-2015

Venerdì 20 Marzo a partire dalle 17.30, la Biblioteca della MEM – Mediateca del Mediterraneo di Via Mameli a Cagliari, ospiterà la presentazione di “L’Italia prima di tutto! Storia di Giorgio Asproni”. Sarà presente l'autrice Arianna Onidi.

Il libro è dedicato ai ragazzi dalle scuole medie in poi. L’idea è quella di far loro conoscere la figura di un personaggio complesso come Asproni facendogli raccontare la propria vita in prima persona. I sette volumi autobiografici del "Diario Politico" sono una delle fonti primarie per la storia del Risorgimento, ciò che si legge nei libri di scuola sono tratti dai Diari. La sua vita sembra un romanzo di Dickens, tanto è ricca di colpi di scena. Nacque poverissimo nel 1808 a Bitti. Per poter studiare dovette intraprendere la carriera ecclesiastica. Fu prete fino all’età di quarant’anni, quando aiutato dall’amico Giovanni Antonio Sanna, (il fondatore del Museo Sanna di Sassari) ricco imprenditore che gli finanziò la campagna elettorale, divenne deputato del parlamento subalpino. La politica ed il giornalismo, furono le sue grandi passioni, scrisse e diresse le più famose testate del periodo. Non era più un ragazzo quando per salvare l’onore del periodico che dirigeva, a Napoli sfidò a duello il direttore del giornale rivale: il veneto Paulo Fambri. Asproni era uno dei personaggi più influenti dell’Italia della seconda metà dell’Ottocento. Acerrimo nemico di Cavour, riteneva che la sua politica fosse di grande ostacolo per lo sviluppo economico della Sardegna. Da deputato della Sinistra conobbe i più importanti personaggi dell’epoca, Giuseppe Mazzini, Carlo Cattaneo, Carlo Pisacane, per citarne alcuni. Partecipò anche alla spedizione dei Mille. Alla sua morte, nel 1876, il Parlamento italiano interruppe l’attività per lutto per tre giorni, un simile onore era stato riservato anni prima solo al nemico Cavour. La prefazione del libro è di Nicola Gabriele.

È previsto l'intervento di Gianni Filippini, direttore editoriale de L'Unione Sarda, Franco Masala e Rosapina Marras. Coordinerà Ada Lai.

 

Prenota ora:

Tracce di Sardegna © 2021 • Tutti I diritti riservati • Vietata la riproduzione anche parziale • Privacy Policy
Realizzato da Corkis81